Storia

Siamo nati agli inizi del 1972 e in questi tanti anni di vita ci siamo imposti con le nostre attività all’attenzione delle Istituzioni, del mondo dell’associazionismo, nel settore della tutela ambientale, nel sociale e, cosa che più conta, della gente. In modo particolare dei giovani.
Ritengo che in questi quaranta anni di attività la nostra Associazione abbia dato molto alla popolazione e al Comune di Ortona occupandosi di centinaia di giovani, offrendo a loro oltre alla formazione marinara e alla pratica degli sport di mare, un ambiente sano e di divertimento, lontani dai pericoli ai quali sono esposte oggi le fasce giovanili.

Credo di poter affermare, insomma e con assoluta tranquillità, che abbiamo fatto se non l’impossibile certamente molto di più di quello che agli inizi della nostra esperienza ci sembrava possibile; e comunque qualcosa di entusiasmante e quindi di incoraggiante, considerato anche che siamo partiti dal nulla e con nulla, e che giorno dopo giorno siamo riusciti ad affermare la nostra presenza, a farla apprezzare, a costruire una impalcatura solida e, soprattutto, a condurre una attività incisiva per lo sviluppo del comparto turistico – diportistico della nostra città.

Un cordiale saluto.
Il Presidente. Eugenio Rapino

Il Cav. Alberto Cichella,al centro nella foto, durante la cerimonia di premiazione del Campionato Nazionale di Canottaggio della Marina Militare svoltosi ad Ortona presso la Lega Navale nell’anno 1990

La sezione LNI di Ortona fu fondata nel 1972 da un gruppo di appassionati di mare guidati dal Cav. Alberto Cichella, tornato in quei tempi ad Ortona dopo aver trascorso, per motivi di lavoro, un lungo periodo a Santa Margherita Ligure. “Mastro Alberto”, così chiamato affettuosamente dai pescatori di Ortona per la maestria nel riparare i motori diesel dei pescherecci, mettendo a frutto l’esperienza maturata in terra ligure, ben presto trasformò la delegazione in sezione e allestì una base nautica posizionata in una piccola insenatura lungo la riva del porto di Ortona. Successivamente alla fine degli anni 70 la base fu trasferita alla radice del molo sud dove tutt’ora risiede.

A quei tempi la nautica era poco sviluppata a causa della mancanza d’iniziative in tal senso e fu solo grazie all’impegno della Lega Navale e dei suoi soci più operosi e amanti del mare, come Luigi Rapini, Ettore Rapino, Bruno Valentinetti, Rocco Vietri, Mario Luciani, Giuseppe Caraceni, Mario Pasquini, Giuseppe Buontempo, Franco Di Gregorio che, a distanza di quaranta anni dalla sua nascita, oggi diverse realtà, circoli, associazioni e privati danno la possibilità a più di 500 utenti di possedere un natante o un imbarcazione, non senza dimenticare tutte quelle iniziative a favore dei giovani che avevano finalmente la possibilità di praticare uno sport di mare come la vela e il canottaggio.

All’inizio degli anni 80 la Sezione contava su non più di 40 ormeggi alla ruota, oggi, con il potenziamento avvenuto nel corso degli ultimi 40 anni e attraverso la messa in opera dei pontili galleggianti, attraverso un congruo contributo della Regione Abruzzo, i posti barca a mare sono divenuti 250. La sezione dispone di una base nautica a terra di circa 2000 mq per lo sviluppo delle attività sociali, sportive e diportistiche.

1_0018
Questa foto fu scattata al termine di una regata di derive e rappresenta uno dei momenti più intensi della attività velica della nostra sezione. Si riconoscono i protagonisti del periodo degli anni ’90: lo scomparso Tommy Masturzo, al centro della foto, con alla sua destra Paolo Di Carlo con la consorte. Dietro di loro ci sono io. Sempre al centro seduto Pierluigi Ciammaichella attuale Presidente del Comitato Regionale della FIV. Alla sua destra l’allora presidente della sezione Rino Nicosia.

Gli anni 80 furono caratterizzati da una notevole attività remiera. Nella foto una regata organizzata dalla sezione.

PD_2_File_002
Il premiato dall’allora sindaco di Ortona, Gabriele Moro è l’atleta Giuseppe Pasquini. Alle spalle del sindaco si notano i consiglieri Domenico Di Battista e Mario Luciani, entrambi scomparsi.

L’attività predominante è stata dall’inizio la vela e sono state tuttavia più che soddisfacenti le passate attività nel periodo 1985-2000 nel settore del canottaggio, stimolato dall’infaticabile Ettore Rapino (l’ultimo a destra nella foto sotto).

1_0024

Il mitico 4 con della Sezione Marcello Cupido, Antonio Fezza, Gaetano Rapino, Eugenio Rapino, tim. Gino Maggi
Il mitico 4 con della Sezione Marcello Cupido, Antonio Fezza, Gaetano Rapino, Eugenio Rapino, tim. Gino Maggi

I giovani frequentano la Sede con assiduità, nel periodo estivo, per i corsi d’iniziazione e perfezionamento alla vela.
Nel periodo invernale, l’attenzione è rivolta soprattutto alle scuole ed in particolar modo all’Istituto Tecnico Nautico, da cento anni ad Ortona, istruendo i diplomandi nella pratica della conduzione di imbarcazioni a vela d’altura come possibile sbocco per la loro futura attività professionale. Notevole è anche l’impegno nel sociale, attraverso lo svolgimento di attività ricreative e sportive a favore dei diversamente abili che si traducono in bellissime giornate passate a contatto con il mare.
Per la salvaguardia dell’ambiente, puntuale è la collaborazione con le principali associazioni ambientalistiche. La Sezione offre il supporto logistico allo svolgimento di convegni e manifestazioni dedicati alla tutela dell’ambiente marino.

La Sezione di Ortona da anni collabora con Karibu- Insieme per Crescere – ONLUS, una associazione di volontariato che opera prevalentemente in Africa, in Tanzania e in Senegal. Grazie anche ai contributi inviati dalla sezione nel corso di questi ultimi cinque anni, sono stati realizzati un dispensario per la cura della malaria nel villaggio di Mtwango, in Tanzania, un dispensario di ginecologia nel villaggio di Ngohe, in Senegal; una scuola a Mbar, Senegal, scavati e attivati cinque pozzi per acqua potabile nella zona di Fatick in Senegal, una sala informatica nei dintorni di Kafrine, sempre in Senegal. Il presidente della associazione, il dott. Antonio Pescini, medico chirurgo, socio da anni della nostra Sezione, ha ritenuto di intestare alla Lega Navale Italiana Sezione di Ortona un pozzo per acqua potabile inaugurato nel marzo 2010 nel villaggio di Mbelbouk Serere, in Senegal. L’organizzazione della Giornata Nazionale LNI della Sicurezza in Mare, infine, riveste da sempre un ruolo fondamentale nelle attività della Sezione ed è senz’altro la manifestazione più sentita. La collaborazione con la locale Capitaneria di Porto, con i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa Italiana, la Protezione Civile e le associazioni del Soccorso Cani da Salvataggio in Mare, danno vita ad una serie di simulazioni di soccorso a mare, con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza, dei diportisti e degli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

1649 Totali 1 Visite oggi